04 settembre 2008

Guns n Roses Rare. Aint' going down, più che un inedito, una malattia.

Come noto è anni che seguo i Guns n Roses. Era l'88 e con l'azione combinata ed incrociata del mio amico Fred e di Videomusic/Mtv conobbi questa pericolosa rock n roll band, cosi vera, sanguigna e metropolitana (avevo 13 anni e vivevo a Torino) e ne rimasi affascinato.

Dopo aver acquistato Appetite for destruction scoprii dell'esistenza dei "bootleg", ossia di dischi non ufficiali con registrato sopra qualche concerto o del materiale inedito.

Non mi sento di competere con i più grandi collezionisti di materiale dei Guns, ma sono comunque in possesso di diverse chicche. Ascoltando questi doppi vinili che acquistai qualche mese successivo, conobbi canzoni allora inedite come Don't Cry, Back Off Bitch, November Rain, Shadow of your love, scoprii le versioni alternative di Anything goes e ascoltai le cover di Knockin on Heaven's door, Heartbreak Hotel, Whole lotta rosie, Jumping jack Flash ecc ecc.

Ma ci fu una canzone, strumentale, chiamata "untitled", che non mi dispiacque affatto, che venne inserita poi in molti bootleg, ma non la sentii mai con un testo cantato e non venne mai riportato il titolo sulla copertina e pensai che l'avessero buttata via.

Un giorno di qualche anno fa incontrai Steven Adler (batterista dei Guns 1985 - 1990) a Milano in occasione di un concerto dei suoi Adler's Appetite e sfruttai il viaggio in furgone con lui dall'albergo alla venue per togliermi il dubbio.

Gliela cantai e lui mi disse, si chiama "Ain't going down" e l'abbiamo solo incisa su alcuni demo. Wow! esiste una versione cantata?!?!?!?! e il biondo drummer confermò.




Anni dopo la ritrovai su un altro bootleg e sui famosi "Rumbo tapes" ( dischi di rarità e demo del periodo degli illusions), ma la cosa strana, è che facendo attenzione al suono, dedussi che non si trattava di una registrrazione degli anni ottanta e alla batteria non era Steven, ma Matt Sorum con la sua inconfondibile pacca. Scoprii quindi che "Aint' Going down" venne incisa ai tempi di Use Your Illusion, per finire su una non ricordo quale colonna sonora, ma poi non venne pubblicata.



Oggi che esiste internet (hey superfans, perdonatemi se l'ho scoperto solo oggi) ho scoperto che nel periodo pre Appetite, era una canzone che faceva parte delle loro scalette dal vivo e grazie a you tube, ho trovato una registrazione realizzata dai roadie della band datata 23 agosto 1986 al mitico Whisky a go go di Los Angeles. Questa è la prima volta che venne suonata dal vivo. Un emozione da condividere. Eccola.

4 commenti:

Fred ha detto...

Incredibile!
Ma ti dirò....la preferivo solo strumentale!!!!

Edo's blog ha detto...

averla trovata è stato emozionante, averla sentita effettivamente un po' meno

Edo's blog ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

alle volte le cose sono più belle se le immagini e basta