10 giugno 2008

La Nottedo


Era la notte tra il 26 e il 27 di maggio di quella che sarebbe stata l'ultima e più viva settimana di Rock Fm

Molti miei colleghi si sono fatti una notte, chi più d'una e io, che amo e vivo la notte per una serie di motivi che se volete vi spiego un'altra volta, non volevo esere da meno.
Avendo la totale libertà nel gestirla, l'ho personalizzata in base al mio carattere e ai miei gusti.Ovviamente la scelta musicale giungeva dalla mia collezione provata di vinili mentre non poteva mancare un bella jam session con un po' di amici.
Purtoppo ne mancavano alcuni che hanno avuto impegni vari, ma l'atmosfera si è creata comunque alla grande e il rock n roll ha vinto.

ore 04.30


Le danze sono state aperte da una jam che ho fatto con IlMetius e Mox con "Hello L.A.". E'una canzone dei "Thee Stp" che adoro alla follia, che ho sempre sognato di suonare, e farla con il cantante originale della band, IlMetius appunto, mi ha riempito di gioia e non è nenache venuta male. Poi con lo stesso combo ci siamo cimentati in Blitzkreig bop dei Ramones. In studio c'era il Maniscalco Maldestro al completo oltre ai miei colleghi degli Acamporas Numa e Aldo. Spesso la miscela di questi musicisti, per esempio al Jambalive a Rapallo, ha dato vita ad una super cover band jamsession improvvisata degna di nota. Cos' è stato. Abbiamo suonato Wratchild, sempre in versione rigorosamente acustica che è venuta uno spettacolo oltre a From Out Of Nowhere, Spoonman, Hunger Strike, Killing in the name of..., Interstate love song, Paradise city, With or without you con ospite Davide dei Ministri giunto spontaneamente in radio con una bottiglia di vino per chiudere con It's a Long way to the top if you wanna rock fm. Inoltre io Numa e Aldo abbiamo suonato anche un paio delle nostre canzoni Acamporiane (in un caso accompagnati dalla sezione ritmica maldestra) e devo dire che la risposta da parte di chi le ha ascoltate è stata sorprendente.



Una bella nottata emozionante e divertente dove ho vissuto intensamente il rock n roll e rock fm, ero il padrone di casa di quella che era la "Mia" radio e sicuramente il fatto che si stesse trasmettendo di notte, ha aumentato il suo fascino e ha contribuito a rendere unico il ricordo. Un grazie a Peter per l'assistenza tecnica.

2 commenti:

_Giorgia_ ha detto...

Emozioni (maiuscole) che lasciano il segno, da raccontare ai figli e nipoti che verranno. Anche per chi ha vissuto la NottEdo da ascoltatore.
Fino in fondo.
Con orgoglio e convinzione.

Per sempre GRAZIE, immenso Edo.

Anonimo ha detto...

Belin Edo, pochi altri sanno raccontare le emozioni in maniera semplice come te...
Anche se non ho seguito tutta la nottata, ti rinnovo i complimrti per la versione di wratchild dsvvero magistrale!
Ciao - Paolo da zena