01 dicembre 2008

Alla faccia del week end


Che il 29/11 sarebbe stato un giorno duro lo sapevo, ma non credevo così tanto.

Sveglia alle 6.30 e partenza da Milano per Faenza dove alle 11.45 incontrerò il resto della band per suonare sul palco del M.E.I. Siamo orfani del bassista Massi Carre in coda al Pronto Soccorso di Lavagna per farsi finalmente ingessare il malleolo rotto che continua a dare problemi. Al suo posto l'azienda the John Fear ha come dipendente l'impegato Chicco (ex Sadist).

Saliamo sul palco, ci prepariamo frettolosamente, apro la custodia della Eastwood e manca la corda "re". Per fortuna c'era Nick Sannino con noi il quale, oltre ad avere mixato il nostro demo e il nostro suono nella confusa "tenda M" del MEI, è anche un liutaio provetto e in un secondo, mi ha rimesso in forma quella chitarra ( dotata di ponte bigsby che quando si rompe una corda: "levati!") sulla quale ho impostato i suoni di The John Fear.

Suoniamo Swimmin in stones, Croccodile girl, Army Of Me e Da Monsta. Dopo l'attacco di batteria di Emi, alzo gli occhi e vedo i membri romagnoli di rockfamily.it difronte a noi che ci guardano sorridenti e fanno il tifo per noi. Mi sento a casa e do il massimo!

Hey rockfamiliari...GRAZIE!

Rispondo ad un paio di inetrviste, mollo il demo ad un paio di etichette indipendenti, incontro dopo un sacco di amci come il grande Beppe dei Persiana Jones che mi racconta un po' di scorribande "on the road", poi Daniel e Teskio di Rocksound/Rockstar e Groove, poi Corrado, Attilio, Kappa, Cecca, Darietto e Alessia di Red...confesso che mi ha fatto effetto non essere al MEI come dj o giornalista, ma è stato divertente lo stesso. Nella Tenda M alle 13.30 c'è anche il maniscalco maldestro. A Marzo esce il loro disco ( okkio alla traccia 4, ho suonato con loro). Con loro le ultime battute e l'appuntamento alla data sestrese dove naturamente presenzieremo armati di chitarra!

Alle 13. 35 purtoppo il nostro dipendente si "licenzia", si prende due terzi dello stipendio e ci lascia partire senza bassista per Milano dove abbiamo la data al locale Rock n roll alle 22. Quella del "musicista sostituto" è un'esperienza che mi mancava e la prossima volta sono sicuro che mi muoverò diversamente dato che, a quanto pare, c'è sempre tempo per prenderla nel culo!

Arriviamo a Milano sotto un temporale piuttosto pesante. Al Rock n roll (http://www.rocknrollmilano.com/) i rockfamiliari romagnoli sono già li! IO VI AMO!

Ci si siede a cena unificandoci anche con i rockfamiliari lombardi e toscani ( mancano sempre i liguri) e poi scendiamo al piano di sotto.

Akrim ci stampa qualche testo e nonostante non suonassimo in acustico dalla data al Gens a inizio ottobre, decidiamo di complicarci la vita ulteriormente, cominciando la serata con Whole lotta rosie degli Ac Dc improvvisandola completamente..se non è rock n roll ditemelo voi! Scopriamo che la nostra Da Monsta piace anche in versione acustica e finiamo il concerto tra cori e caldissime cover alcune delle quali preparate per il programma "undressed" di Radio Lombardia. La serata alla fine viene bene. I familiari e non che affollano la sala concerti del Rock n roll applaudono e cantano le canzoni e nonostate la nostra forma psicofisica non sia delle migliori riusciamo a "portarla a casa".

Grazie a tutti voi per esserci stati, un saluto particolare concedetemelo per Ugo, che non vedevo da vent'anni e rivederlo mi ha fatto immensamente piacere.

Domenica al Jamba abbiamo proposto con la Bernarda ProdAction un po' di nostre cose compresa l'anteprima di Zetto 3...bella serata, divertente e un po' rilassante, che ha visto anche la partecipazione del vice campione del modno a Pechino di handbike l'amico Vittorio Podestà.

Menomale che è lunedì....

1 commento:

mirka ha detto...

Presente solo al RnR...bel concerto!! anche i commenti dei vicini "non di famiglia" sono stati positivi. Se non è ROCK questo!!!Akrim